Strumenti accessibilità

A- A A+

Irrogazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di Enel Distribuzione S.p.A.

A seguito delle numerose segnalazioni dell’ADOC e delle altre associazioni dei consumatori, relative alle anomalie nei servizi da parte di Enel Distribuzione S.p.A. nel periodo maggio-dicembre 2008, l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas ha aperto una istruttoria conoscitiva volta ad acquisire informazioni e dati sulle cause delle predette disfunzioni.

L’istruttoria conoscitiva ha evidenziato che la società Enel Distribuzione S.p.A.:

- nel disporre lo switching con effetto dall’1 maggio 2008 dell’insieme dei punti di prelievo in precedenza serviti dagli esercenti transitori, ha inserito numerosi punti di prelievo nei contratti di dispacciamento dei nuovi esercenti la salvaguardia (le società Exergia S.p.A. e Enel Energia S.p.A.) in un momento successivo (facendone retroagire l’effetto all’1 maggio 2008), in contrasto con l’art. 3 della deliberazione ARG/elt 42/08;

- nel disporre l’attivazione del servizio di salvaguardia durante il periodo maggio-dicembre 2008, ha omesso di trasmettere a Exergia alcune delle informazioni previste dall’art. 4, commi 3 e 3bis, del TIV (Testo Integrato di Vendita). In particolare, Enel Distribuzione non ha mai indicato l’indirizzo/sede legale del cliente finale titolare del punto di prelievo.

L’accertamento di tali violazioni ha portato la stessa Autorità con la deliberazione VIS 46/11 del 7 aprile 2011 ad irrogare una sanzione amministrativa di € 169.000 alla società Enel Distribuzione S.p.A. così suddivisi: a)143.000 (centoquarantatremila) euro, per la violazione dell’art. 3 della deliberazione ARG/elt. 42/08; b) 26.000 (ventiseimila) euro, per la violazione dell’art. 4, commi 3 e 3bis, del TIV (Testo Integrato di Vendita).

Partners

regione piemonte

città di torino

camera commercio torino

adoc nazionale