Strumenti accessibilità

A- A A+

UBO - App: l'antidoto 2.0 contro lo spreco alimentare

UBO, l'APP contro lo spreco alimentare

Non avere dimestichezza con le regole di corretta conservazione del cibo genera confusione ed incertezza che, a loro volta, portano a dubitare del fatto che gli alimenti che abbiamo acquistato siano ancora “buoni”.

Così oltre a gettare il cibo che non abbiamo saputo conservare (e che è effettivamente “andato a male”) corriamo anche il rischio di sprecare cibo (in realtà ancora buono) perché temiamo che “faccia male”.

Abbiamo allora incaricato gli esperti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta (che in tema di sicurezza alimentare hanno acquisito fama internazionale fin dai tempi di “mucca pazza”) di indicare le regole a cui attenersi.

ubo-app.png

In UBO app trovi, per 500 alimenti, notizie, consigli e suggerimenti su come, dove e per quanto tempo conservarli (sia cotti che crudi, sia preconfezionati che sfusi, sia freschi che surgelati), su quali siano le porzioni raccomandate, sulla relativa impronta idrica e sugli apporti nutrizionali, sul riutilizzo degli avanzi e degli scarti, sulla stagionalità della frutta e della verdura, su come fare la lista della spesa e su tante altre cose e se proprio non trovi quello che stai cercando… chiedi all’esperto!

L'App è stata realizzata in collaborazione con IZSTO, Laboratorio Chimico CCIAA Torino e con dati Water Footprint.

L'App "unabuonaoccasione" è scaricabile gratuitamente da AppStore e Google Play.

app store   google play

Una novità su UBO App... l'IMPRONTA IDRICA degli alimenti

BIOConosco

Lo sportello “BIOConosco” è il primo sportello online interamente dedicato ai consumatori che vogliono avere maggiori informazioni sulla produzione, sull’etichettatura e sui controlli dei prodotti biologici. Lo sportello è un’iniziativa di Adoc – Associazione per la Difesa e l’Orientamento dei Consumatori e FederBio – Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica

INFORMAZIONE

Presso lo sportello virtuale i consumatori possono ricevere le più dettagliate informazioni sul mondo dell’agricoltura e dell’allevamento biologici, sia in merito al metodo di produzione sia ai che governano il settore, sulle modalità di etichettatura dei prodotti biologici e sui rigorosi controlli effettuati presso i produttori.

SEGNALAZIONE

I consumatori possono anche segnalare, direttamente tramite apposito modulo, la presenza in commercio di prodotti che hanno un’etichettatura non conforme alla normativa o che vengono venduti come biologici pur non essendo tali. Oppure semplicemente richiedere ulteriori informazioni sul biologico.

Vai allo SPORTELLO

Conciliazione Paritetica

La Conciliazione Paritetica è un metodo di risoluzione stragiudiziale delle controversie che permette di trovare soluzioni tra consumatori e aziende in maniera rapida, semplice ed economica.

Essa si basa su protocolli sottoscritti tra le associazioni dei consumatori e la singola azienda (o associazione di categoria) che stabiliscono le regole cui le parti devono attenersi per risolvere le singole controversie.
La Commissione di Conciliazione è composta, pariteticamente, da due conciliatori adeguatamente formati, uno in rappresentanza dell’azienda e l’altro indicato dall’associazione dei consumatori prescelta dall’utente oppure assegnato secondo un criterio turnario.
La procedura di conciliazione è su base volontaria: l’accordo raggiunto dalle parti viene sottoposto al consumatore il quale è libero di accettare la soluzione proposta o di rivolgersi alla giustizia ordinaria.
Per avviare la procedura di conciliazione è necessario, innanzitutto, che il consumatore presenti un reclamo all’azienda; se questa non fornisce alcuna risposta entro i termini previsti dalla relativa Carta dei Servizi o se la stessa ha inviato una risposta ritenuta insoddisfacente dal cliente, si può attivare la procedura di conciliazione che si chiude entro un termine prestabilito, generalmente entro 30/45 giorni.

  • La procedura è gratuita per il consumatore, semplice e attivabile attraverso la compilazione della relativa domanda

  • Tempi brevi per lo svolgimento della procedura

  • Trasparenza e informazione riguardo lo svolgimento della procedura

  • Il consumatore è libero in ogni momento di ritirarsi dalla procedura di conciliazione

  • E’ libero di poter accettare o meno la proposta conciliativa formulata dalla Commissione senza alcuna conseguenza negativa.

  • Ogni argomentazione, informazione o proposta relativa alla controversia fornita all’associazione che lo rappresenta è coperta dalla riservatezza

  • Il verbale ha efficacia di accordo transattivo ai sensi dell’art. 1965 codice civile

Per maggiori informazioni visita il sito ADOC Nazionale alla sezione CONCILIAZIONI o contatta la Sede ADOC più vicina a te.

Partners

regione piemonte

città di torino

camera commercio torino

adoc nazionale