Strumenti accessibilità

A- A A+

TAO - Tackling Adolescent Obesity

Stili di vita scorretti, eccessiva sedentarietà e cattiva alimentazione sono tra le cause principali dell’obesità adolescenziale. Giocano altresì un ruolo decisivo anche le condizioni sociali, culturali ed economiche in cui i giovani sono inseriti, ivi compreso il contesto ambientale che li circonda: si pensi infatti agli effetti della pandemia da Covid-19.

In un mondo che bombarda i giovani di stereotipi e modelli univoci di “bellezza”, in cui il corpo risulta essere il vettore principale dell’immagine che essi vogliono dare di sé stessi, la pressione sociale ricade spesso su coloro che vivono una condizione patologica di obesità. È in questo contesto che si inserisce TAO – Tackling Adolescent Obesity -, un progetto che mira ad arginare le criticità, psicologiche e fisiche, che derivano dall’obesità e, in via preventiva, fornisce ai giovani degli strumenti per migliorare le proprie abitudini, incoraggiandoli a fare sport e ad avere una sana alimentazione.

Proprio in relazione agli aspetti psicologici, tappa fondamentale di questo iter di sensibilizzazione è l’analisi del fenomeno del bullismo e degli abusi che sperimentano le persone che vivono questa condizione, sovente costrette a vestire i panni di “vittime”.

Attraverso gli interventi di professionisti (medici, avvocati e insegnanti), TAO rappresenta un’opportunità per un giovane pubblico di confrontarsi con degli esperti che analizzeranno con loro le cause e le conseguenze dell’obesità.

Rompere il silenzio e lo stigma che ruotano intorno a questo tema è una responsabilità collettiva, sia per lottare contro le discriminazioni e tendere una mano verso chi necessita di un aiuto, sia per promuovere scelte consapevoli ed orientare ad uno stile di vita sano per sé stessi e per gli altri.

TAO Project - Tackling Adolescent Obesity

Quasi 1 adolescente su 4 è in sovrappeso o obeso in Europa. Affrontare l'obesità non è così semplice come dire alle persone di fare più esercizio o mangiare di meno. L'obesità è il problema di una società piena di marketing aggressivo, body shaming e bullismo nei confronti delle persone obese. Per questo è nato il progetto TAO.

«Il cuore dei disturbi alimentari è il silenzio, e questo silenzio va rotto. A partire da noi!»

Continua la collaborazione fra ADOC e SAFE, l’associazione Belga assieme a cui è stato condotto il progetto #ECO.

Ancora una volta l’alimentazione è il tema chiave dell’iniziativa, tramite cui si vogliono raggiungere i giovani adolescenti per promuovere uno stile di vista sano e regolare, tanto da un punto di vista alimentare, quanto sportivo e sociale.

Per raggiungere questo scopo, da settembre ADOC si impegnerà a svolgere degli incontri formativi nelle scuole con anche il sostegno e la partecipazione del personale medico specializzato di Androteam.

Nel frattempo, consulta il sito del progetto ed accedi al materiale didattico ed alla piattaforma online per trovare tante informazioni utili e quiz per i più giovani!

https://www.safefoodadvocacy.eu/tao-project

>> GUIDA teenagers

>> GUIDA insegnanti

Sportello di supporto psicologico e assistenza alla salute per i cittadini-consumatori

Gentile associata/o, considerata l’emergenza COVID che ha caratterizzato il 2020, ADOC Piemonte, in collaborazione con la Dott.ssa e Psicologa Chiara Crespi e il Dott. Massimiliano Timpano - coordinatore del gruppo di medici di Androteam Medical Center, ha attivato uno sportello di supporto psicologico e di assistenza alla salute per i cittadini-consumatori.  

Lo stress emotivo causato dalla paura del contagio, dai lutti familiari e dall’isolamento sociale è il malessere più diffuso, ma non bisogna dimenticare anche l’ansia che deriva dalla precarietà finanziaria. È chiaro che gli effetti della pandemia si sono tradotti anche in perdita, diminuzione del lavoro o della capacità lavorativa causando un forte stress all’interno del nucleo familiare.

Va aggiunto che la pandemia ha trascinato con sé l’annullamento di molti eventi che per molti rappresentavano un momento di svago (vacanze), o in alcuni casi un traguardo personale (matrimonio), con evidenti conseguenze sia sul piano emotivo che organizzativo.

Un incontro orientativo su questo nuovo servizio di Adoc si terrà il 27 maggio 2021 alle ore 14.00 con un Webinar sulla piattaforma Zoom, gratuito e aperto a tutta la cittadinanza, organizzato da ADOC Piemonte in collaborazione con Androteam.  

Entra nella riunione in Zoom:

https://zoom.us/j/91409328393?pwd=RVlIRGdIRjFKakF3VFQzNGs1U2laZz09

La legalità ti rende libero

Web educational meeting, realizzato da ADOC in collaborazione con Androteam nell'ambito del progetto "La legalità ti rende libero".
 
Adoc prosegue nella sua attività di orientamento verso la cittadinanza, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del caporalato, analizzandone gli aspetti legati alla salute dei lavoratori con un occhio alla filiera etica. Le registrazioni degli interventi saranno disponibili sulle nostre piattaforme social.

È ORA DISPONIBILE IL VIDEO COMPLETO DEL PROGETTO LA "LEGALITÀ TI RENDE LIBERO"

Adoc Piemonte Androteam proseguono il percorso di collaborazione e danno vita ad un nuovo Web Educational Meeting sul tema del Caporalato.

Un team di relatori esperti è intervenuto per approfondire il tema della salute, e del diritto alla salute, in questo contesto di lavoro: #LIBERIDALCAPORALATO#LAVORAREINSALUTE

Relatori:

  • Silvia CUGINI - Presidente Adoc Piemonte
  • Massimiliano TIMPANO - Androteam
  • Francesca SALVAGNO - Androteam
  • Marcello MAZZÙ - Medico del lavoro.
  • Chiara CRESPI - Androteam
  • Manuela VENDOLA - Segretaria UILA Piemonte
  • Pino SALAMON - Segretario regionale ADOC Puglia

Link al video completo:

https://www.youtube.com/watch?v=Hhgl0PagDGI

#caporalato #caporalatopuglia #androteam #adrocpiemonte #adocpuglia

 

Sottocategorie

Partners

regione piemonte

città di torino

camera commercio torino

adoc nazionale